Il nostro sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti, chiudendo questo banner o continuando nella navigazione del sito si accetta l’utilizzo dei cookie. Per altre informazioni leggere l'informativa completa.

Cerca nel sito

                                                                                                                    

La testimonianza di un nuovo Barelliere a Lourdes

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo questa bellissima testimonianza che un nostro Barelliere, per la prima volta a Lourdes nel Pellegrinaggio di Settembre, ha voluto trasmettere alla nostra Sezione:

Il Mulinaccio, martedi 23 settembre 2014

Gentile Presidente,
ho avuto modo di conoscerti ed apprezzare la tua presenza discreta, la tua dedizione, la tua fede e la tua competenza durante il pellegrinaggio UNITALSI a Lourdes del 14/20 settembre scorso, soprattutto durante il pomeriggio dedicato alla conoscenza dei luoghi di Bernadette.
Di ritorno da Lourdes ti scrivo queste poche righe (approfittando del tuo tempo), per esprimerti quello che io ho visto, sentito, ammirato  e portato nel cuore (nel bene e nel male).
Ho ormai più di 60 anni e da sempre (da quando avevo 14 anni...) faccio volontariato, al Circolo Ricreativo del mio paese, al Gruppo Sportivo, alla Pubblica Assistenza e ancora continuo a farlo. Fin da giovane ho avuto il desiderio di poter un giorno partecipare ad un pellegrinaggio a Lourdes per portare i malati. Poi vuoi per la giovinezza spensierata, per gli impegni, per il lavoro ed infine per alcuni anni di sventure familiari non ho mai potuto realizzare questo desiderio.
Poi stranamente durante una riunione condominiale nei locali della Parrocchia ho sentito alcuni parlare di Lourdes, del pellegrinaggio. Non sono un credente, nel senso che non frequento né la Chiesa né la Parrocchia, ma invidio un po' chi ha fede; li considero migliori di me ma anche più fortunati. Mi sono informato, iscritto, sono stato accettato e sono finalmente partito.
Ho visto cose eccezionali, ho visto la passione, la fede, la condivisione, i riti, la meraviglia della processione flambeau e i luoghi di Bernadette.
Ho visto anche barellieri defilati, pronti a pontificare su come si devon fare o non fare le cose, ma pronti anche a scomparire nei momenti più duri (es. alla Stazione di Firenze al ritorno quando c'erano da scaricare malati e bagagli...); ho visto anche barellieri inadeguati (non per colpa loro, ma perchè con problemi fisici), che mettevano in difficoltà numerica i colleghi di turno.
Ho visto poi barellieri instancabili che mi hanno insegnato tutto e che hanno dato davvero tutto e anche di più per i malati, barellieri armati solo di una fede incrollabile; esempio altissimo che conservo e conserverò gelosamente dentro di me.
Io ho fatto quello che ho potuto, spero di averlo fatto bene. Mi hanno insegnato che il malato viene prima di tutto, prima di tutti e io ho messo i malati al di sopra di me stesso, delle mie fatiche, della mia stanchezza, delle mie soventi forti emozioni. Spero di aver lasciato un buon ricordo in loro.
Ho visto sorelle sempre disponibili e gentili, ciarliere e perfette come sono le donne, caritatevoli ed accoglienti come sono le mamme. Anche quelle più giovani, anche quelle alla prima esperienza (come me...) non hanno mai fatto un passo indietro dispensando sorrisi e freschezza.

Ho visto malati felici e desiderosi di andare sempre e dappertutto, incuranti del loro handicap con la voglia di consumare per intero una settimana in cui loro sono al centro del mondo; una settimana in cui loro sono l'umanità.
Mi aspettavo il dolore, ma non l'ho visto. Ho visto gioia, fede, speranza e futuro.
Ho visto i luoghi della fede, bellissimi e struggenti, ho ascoltato gli inni e le preghiere in tutte le lingue, li ho frequentati, gli uni e gli altri, accompagnando i malati ogni giorno, più volte al giorno cercando di non sentire la fatica e i dolori dell'età. Non mi sono vergognato delle emozioni che spesso erano più grandi di me, ma ho cercato di metterle dentro l'anima per conservarle, così come si cerca di conservare il calore del sole per l'inverno.
Un giorno ho portato un carrello di sussistenza per un malato di SLA (penso..) accompagnandolo durante una lunga processione che è terminata nella spettacolare cattedrale S. Pio X. Dopo l'ho riaccompagnato al Salus ed ero veramente stremato per la fatica, il sudore, la tensione. Il figlio che guidava la barella gli ha detto: “babbo ringrazia questo signore che ci ha accompagnato” e lui che muoveva solo gli occhi mi ha guardato per un attimo interminabile con il suo sguardo immenso, dolcissimo e luminoso, pieno di riconoscenza. In quel momento avrei voluto dirgli io mille volte grazie, ma sono riuscito solo a piangere nascondendomi un po'.
Poi sul treno del ritorno un amico barelliere mi ha recapitato una busta; dentro c'era un segnalibro con una frase di Papa Francesco: “non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio” con aggiunto a penna: x Rinaldo, grazie. Antonio.
Era il mio Presidente della sottosezione di Fiesole,  persona meravigliosa ed umile che mi ringraziava.
Ho citato questi due piccolissimi semplici gesti di affetto che mi hanno ripagato ampiamente di tutte le fatiche, i dolori alle gambe e mi sono sentito più leggero, più vero, più vivo. Non ho mai ricevuto doni più grandi di questi.
Dunque grazie Presidente, grazie a te e all'UNITALSI e a tutte le meravigliose persone che la compongono.
Grazie per aver realizzato il mio desiderio.
Un caro saluto a te e a tutti coloro che ho incontrato sulla strada di Lourdes.

Rinaldo Parrini barelliere""

Visite

1181583
Oggi
Ieri
Settimana
Mese
TOT
527
732
5486
18988
1181583

In Evidenza

Prev Next

Vicini a Genova

20-08-2018 Hits:4093 In evidenza Marco Morandini

Vicini a Genova

Read more

Lourdes, dalle emozioni di Giugno alla p…

17-07-2018 Hits:4541 In evidenza Marco Morandini

Lourdes, dalle emozioni di Giugno alla partenza di Luglio

  I pellegrinaggi rappresentano da sempre un momento ricco di emozioni e di voglia di stare e di camminare insieme. Più momenti messi l'uno accanto all'altro, a costituire i tasselli di...

Read more

Campagna 5XMILLE

08-05-2018 Hits:5485 In evidenza Marco Morandini

Campagna 5XMILLE

Donare il 5x1000 è una opportunità per sostenere i progetti e le attività UNITALSI. Un gesto semplice, che non costa nulla e che si traduce in un aiuto concreto. Maggiori informazioni...

Read more

Ciao Fabrizio

26-03-2018 Hits:6119 In evidenza Marco Morandini

Ciao Fabrizio

Ci ha lasciato Fabrizio Frizzi, un grandissimo amico della Famiglia Unitalsi, non solo testimonial ma anche UNO DI NOI... Ci mancherai!

Read more

Attività del mese di Marzo Ss Pisa

03-03-2018 Hits:6378 In evidenza Marco Morandini

Scarica l'allegato per vedere le attività di questo mese

Read more